28. Sfruttare l’istinto a nascondersi

Gli esseri umani hanno, come tutti gli animali, una grande abilità nel nascondersi dalle cose che temono.

Nel nome del comportamento e della conformità e del processamento di milioni di persone, la scuola usa questo istinto a suo vantaggio. Al cuore del sistema industriale c’è il potere – il potere dei capi sui lavoratori, il potere degli acquirenti sui fornitori, e il potere degli uomini di marketing sui consumatori.

Dandogli il compito di indottrinare migliaia di ragazzi alla volta, l’amministratore scolastico in difficoltà opta per lo strumento disponibile più efficace. Dato che il risultato finale della scuola deve essere quello di creare cittadini compiacenti, il modo più breve per raggiungere questo obiettivo è sempre stato la paura.

L’amigdala, alle volte chiamata anche cervello rettiliano, è il centro della paura del cervello. È allertata durante momenti di stress. Ha paura dei serpenti. Porta il nostro cuore a battere più forte durante un film di paura e i nostri occhi ad evitare un contatto diretto con qualcuno di autoritario.

Allora la scorciatoia per la conformità non è ragionare con qualcuno, delineare le opzioni, e far accettare una soluzione. No, la scorciatoia è indurre paura, attivare l’amigdala. Fai questa cosa oppure ti rideremo dietro, ti espelleremo, lo diremo ai tuoi genitori, ti faremo sedere in un angolo da solo. Fai questo altrimenti ti daremo un brutto voto, sarai sospeso, non riuscirai mai a fare niente. Fai questa cosa o sarai nei guai.

Quando uno stato di paura è messo in atto, può diventare anche più astuto. Basta anche uno sguardo di un insegnante che incute paura per calmare la sua classe.

Ma questo non è abbastanza per la scuola industrializzata. Va ben oltre che assicurare semplicemente il comportamento della classe. La paura viene usata per assicurare che nessuno vada oltre, che qualcuno metta in dubbio lo status quo, o faccia trambusto. La paura è rinforzata durante la progettazione della propria carriera, nel mondo accademico, e anche nelle interazioni interpersonali. La paura vive anche negli uffici di orientamento per gli studenti.

Il messaggio è semplice: meglio che ti adatti o non entrerai in nessuna buona scuola. Se entri in una scuola buona e fai quello che ti dicono, avrai un buon lavoro, e tutto andrà bene. Ma se non ti adatti, sarai per sempre marchiato.

Anni fa, io e cinque amici eravamo responsabili di 150 bambini chiassosi di quinta elementare per un lungo weekend da passare in Canada. Era praticamente impossibile farsi sentire con tutto quel baccano – fino a che non capii cosa dovevo fare. Tutto ciò che dovevamo dire era “vi verranno tolti dei punti” e la disciplina si manifestò. Non c’erano punti e non c’era alcun premio, ma semplicemente la minaccia di perdere punti era sufficiente.

Invece di creare un mercato sociale dove le persone possono partecipare e crescere, la scuola è un vortice, un mulinello che spinge per la conformità e scoraggia l’individuo mentre cerca di alzare il livello della conversazione.  

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on Pinterest