110. Talento vs. educazione

Parole sicuramente complicate.

Dove finisce una e inizia l’altra? Sei un relatore/corridore/brainstormer non in grado perché non sei mai stato formato o perché manca qualcosa di misterioso dal tuo DNA?

Se sei in un talent camp, allora la maggior parte dell’obiettivo è già scritto, e l’unico ruolo della scuola o dei genitori è quello di sostenere quelli privi di talento mentre si aprono le porte per i pochi fortunati.

È un lavoro triste e solitario, molto appropriato per un pessimista che finge di essere realista.

Fortunatamente, la maggior parte di noi ha una visione differente: è disposta ad immaginare che ci siano così tante opportunità nel nostro mondo che si muove così velocemente, che la costanza, insieme al background e alla convinzione, possa prevalere su una mancanza di talento nove volte su dieci.

Se questo è vero, la nostra responsabilità è quella di amplificare la costanza, non usare la mancanza di talento come una scusa da quattro soldi per il nostro fallimento nel coltivare i sogni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on Pinterest