82. “Qualcuno prima di me li ha rovinati”

Non si passa molto tempo nella sala insegnanti senza sentire un insegnante che si lamenta dei suoi studenti imperfetti. Questo insegnante ha “ricevuto” studenti danneggiati, apparentemente, privi di interesse o di eccitazione, o privi di intelligenza.

Forse è stata colpa del genitore non attento che non parla molto bene o che non serve una buona colazione. Oppure di quello con un accento. Oppure dell’insegnante dell’anno prima o dell’anno ancora prima che non ha adeguatamente preparato lo studente con le basi che ora gli servono.

E il capo prova le stesse cose nei confronti di quei dipendenti che sono arrivati con una formazione inadeguata. Diamo la colpa all’insegnante o all’allenatore quando insistiamo sul fatto che la persona di fronte a noi non ha il talento o le basi o i geni per eccellere.

In un mercato affollato, non ci sorprende che le persone scelgano qualcuno che sembra offrire di più rispetto al tempo e ai soldi che hanno investito. In questo modo, coloro che si occupano delle ammissioni cercano il talentuoso, così come quelli che assumono il personale per le grandi aziende. Trovare il migliore, il carismatico, e ovviamente il dotato potrebbe essere un’intelligente strategia a breve termine, ma punisce il resto di noi, e la società nel suo insieme.

L’occasione di avere un’educazione e un miglioramento diffuso delle abilità è molto più grande di quanto non lo sia mai stata. Nel momento in cui possiamo consegnare le lezioni e le conferenze digitalmente, su vasta scala e gratuite, l’unica cosa che ci blocca è lo status quo (e la nostra convinzione che sia duraturo).

La scuola ricopre una funzione importante quando attiva una passione per un apprendimento che dura tutta la vita, non quando erige dei confini permanenti per una classe d’élite.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on Pinterest

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *