124. Pensare intensamente all’università

Se c’è una parte del sistema educativo più facile da sistemare, questa è l’educazione superiore. Abbiamo visto dei cambiamenti veramente significativi nella pianta fisica, nel marketing e nella struttura di molte università, generalmente in risposta alle richieste degli studenti.

I rettori delle università sono sensibili ai tassi di iscrizioni, donazioni e a quanti vengono a vedere una partita di football: capiscono che il loro stipendio a sette cifre è spesso un riflesso di quello che alunni, genitori e studenti pensano di loro. A differenza delle scuole locali, le università competono. Competono per gli studenti, per i professori e per i fondi.

Le università hanno una opportunità di cambiare drammaticamente il significato di essere educati, ma non saranno in grado di farlo se si comportano come la scuola finale per quelli che hanno un diploma di scuola superiore. Le università non dovrebbero dare semplicemente un’istruzione superiore, ma anche un’istruzione più forte.

Così, detto questo, vi presento nel prossimo capitolo alcuni pensieri di un ex professore a contratto, un alunno, e un genitore di un futuro studente universitario (niente football qui, scusatemi).

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on Pinterest