37. La maledizione della paga oraria

Frederick Taylor è responsabile di gran parte delle cose che vedete quando vi guardate attorno. Come padre dell’organizzazione scientifica del lavoro (chiamata anche Taylorismo), Taylor gettò le basi per il modello di produzione di massa seguito da Henry Ford e fu un sostenitore dell’impiego di personale nelle catene di montaggio e della crescita dell’era industriale.

Armato di un cronometro, Taylor misurava qualsiasi cosa. Trasse due conclusioni:

Lavoratori intercambiabili sono essenziali per l’efficienza dei processi industriali. Non puoi chiudere la linea di produzione solo perché una persona non viene al lavoro. Maggiore sarà il numero di lavori qualificati, più facile sarà trovare lavoratori a basso costo e compiacenti che seguiranno le tue istruzioni.

Le persone che lavorano da sole (in parallelo) sono molto più efficienti di quando lavorano in squadra. Spezza ogni processo industriale nel più piccolo numero di parti e dai ad una persona da fare una cosa in modo repetitivo, da solo, e misura i suoi risultati.

Una conseguenza di questa analisi è che i lavoratori pagati ad ore sono fondamentalmente differenti da quelli salariati. Se sei pagato ad ore, l’organizzazione ti sta dicendo “Posso comprare il tuo tempo un’ora alla volta, e ti posso rimpiazzare quando voglio”. I lavoratori ad ore venivano segregati, seguivano differenti leggi del lavoro e raramente, praticamente mai, potevano aspirare a diventare manager.

La scuola, ovviamente, si focalizza nel creare lavoratori ad ore, perché questo è quello che serviva ai creatori della scuola, in larga scala.

È sufficiente pensare al fatto che la scuola minimizza il lavoro di gruppo in modo inesorabile. Spezza i compiti nel più piccolo numero possibile di unità misurabili. Non fa niente per coordinare l’insegnamento tra le varie materie. E più di tutto, misura tutto a livello individuale, incessantemente, e processa di nuovo coloro che non hanno raggiunto i minimi standard di performance.

Ciascuna di queste cose è lo specchio di quello che avvenne nella fabbriche nel 1937.

Naturalmente il business negli Stati Uniti si evolse con il passare del tempo in modo da essere meno draconiano di quanto lo fosse settant’anni fa. Le aziende adottarono un contratto sociale (il più delle volte tacito). I movimenti sindacali e le proteste pubbliche dimostrarono che se tu eri obbediente e lavoravi duramente, il tuo lavoro ad ore sarebbe continuato, probabilmente fino alla pensione, e poi la tua pensione ti avrebbe donato una vita confortevole.

Ma negli ultimi vent’anni, a causa della competizione e degli azionisti, il contratto sociale ad ore si è evaporato, e i produttori e gli altri che lavorano nelle fabbriche sono regrediti ad una forma più pura di Taylorismo. No, catene come Walmart (multinazionale americana fondata nel 1962, più grande rivenditore al dettaglio nel mondo), Target (catena di negozi originariamente fondata nel 1902 con il nome di Dayton Dry Goods, rivenditore al dettaglio, secondo solo a Walmart) e Best Buy (fondato nel 1966 come Sound of Music, specializzato nella vendita al dettaglio di elettronica) non portano “buoni lavori” a Brooklyn quando costruiscono un mega centro commerciale. Portano lavori ad ore senza possibilità di avanzamento di carriera. Come è possibile? La piramide è incredibilmente larga ma non abbastanza alta, con migliaia di lavoratori ad ore per ogni manager con la capacità di prendere una qualche decisione importante.

Walmart ha più di 2 milioni di dipendenti in giro per il mondo, e forse un migliaio di persone che prendono decisioni aziendali e che fanno un lavoro creativo. La maggior parte degli altri sono lavoratori ad ore, facilmente rimpiazzabili con breve preavviso.

Le fondamenta della nostra economia sono regredite nel passato, andando ad allinearsi di nuovo con ciò che la scuola è riuscita a perfezionare: trarre vantaggio dalle persone che fanno un lavoro frammentario.

Questo non è il futuro della nostra economia; è semplicemente l’ultimo percorso ben illuminato disponibile agli studenti che sopravvivono al processo di indottrinamento tradizionale. Se sforneremo sempre più lavoratori come questi, ci ritroveremo semplicemente a combattere per ottenere di più dalla base della piramide, di più da quella parte del mercato mondiale di lavori senza senso, eseguiti a basso costo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on Pinterest