125. La trappola delle università famose

Spendete del tempo con dei ragazzini di periferia e con i loro genitori, e molto presto la discussione virerà inesorabilmente sul concetto di andare in una “buona università”.

Harvard, naturalmente, è una buona università. Così come Yale. Aggiungete alla lista scuole come Notre Dame e Middlebury.

Come facciamo a sapere che queste scuole sono buone?

Se mi chiedete se una Mercedes è una buona automobile se paragonata , non so, a una Buick, concorderemo praticamente su tutto che la risposta è sì. Non a causa della fama derivante dalla pubblicità, ma a causa dell’esperienza di aver guidato veramente l’automobile, la durabilità, la sicurezza: la maggior parte delle cose per le quali compriamo un’auto.

Per quanto riguarda le persone che stanno scegliendo l’università, invece, i genitori e gli studenti che spenderanno quattro anni e circa un quarto di milione di dollari…su cosa si basa la loro scelta? Hanno per caso qualche dato sulla felicità a lungo termine dei laureati?

Queste scuole non sono necessariamente buone. Il fatto è che sono famose.

Loren Pope, ex editorialista dei temi riguardanti l’educazione per il New York Times, sottolinea che università come Hiram, Hope e Eckerd sono effettivamente scuole migliori, a meno che l’obiettivo non sia trovare un nome conosciuto che impressioni la gente dei club privati. Il libro Colleges that Changes Lives , il più conosciuto della Pope, unisce una ricerca rigorosa con una passione per smascherare come le università più famose vengano lodate in modo esagerato.

Se l’università deve essere come una scuola superiore ma con più feste, allora i genitori dovrebbero esattamente informarsi su quelle più famose. Se pensiamo che l’obiettivo delle università sia creare un trampolino di lancio, uno di quelli che ti aiutano a superare la fila per un buon posto di lavoro, allora una università famosa è quello che fa per noi. La fila per i buoni posti di lavoro è lunga, e un beneficio significativo delle università famose è più che altro una superstizione: essere associati a quella fama potrebbe trovarci un primo lavoro migliore.

L’università famosa può anche non darci un’educazione che cambia radicalmente lo studente.
Se non stai cercando un’educazione rivoluzionaria, allora puoi anche permetterti di comprare un nome famoso e prezioso da usare per il resto della tua vita.

Ma questo è tutto ciò che ottieni? Se il meccanismo di smistamento di una università è tutto quello che c’è nell’offerta, i quattro anni spesi lì sono senza dubbio troppo costosi.

Si è scoperto che studenti che si applicano ad Harvard e vengono ammessi ma poi non ci vanno, sono persone di successo e felici nella loro vita, tanto quanto quelli che partecipano alle lezioni. Provate ad immaginare qualsiasi altro investimento della stessa proporzione su qualcosa di famoso che ci renda così poco.

Steve Jobs e Bill Gates hanno entrambi abbandonato l’università (una più famosa dell’altra). Si è scoperto che solo il fatto di essere ammessi è stato sufficiente per dargli una carica iniziale.

Le università famose fanno parte del sistema di classificazione e etichettatura, ma non hanno virtualmente niente a che fare con l’educazione impartita o l’impatto a lungo termine dell’educazione ricevuta. Se ti serve un’etichetta per raggiungere i tuoi obiettivi, vai a prenderti quell’etichetta. In ogni caso, noi dovremmo far sì che le università abbiano degli standard più elevati quando si parla di educazione che possa trasformare la vita degli studenti.

Ma per quelli che sono all’inizio, iniziate ad usare la parola “famosa” quando il tuo istinto è dire “buona”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on Pinterest