58. Il circolo virtuoso dei buoni lavori

I lavori industriali non creano più nuovi lavori industriali nel nostro paese. Un surplus di lavoratori pagati ad ore e obbedienti crea disoccupazione, non un maggior numero di fabbriche.

Dall’altra parte, i lavori creativi creano altri lavori creativi. Individui che si sono fatti da soli, indipendenti e che sanno prendere l’iniziativa spesso danno vita a nuovi progetti che richiedono nuovi lavoratori. Secondo me, il ruolo ora politicizzato del “creatore di lavori” non ha niente a che vedere con i tagli delle tasse e tutto a che vedere con persone che sono qualificate ad avere coraggio per alzare le loro mani e dire “Io inizio”.

Un’economia che è bloccata ha bisogno di più inventori, scienziati, esploratori, e artisti. Perché queste sono le persone che aprono le porte agli altri. 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on Pinterest