60. I sognatori sono il problema

E poi le scuole si focalizzarono di nuovo sulle masse e sui processi in scala, e i sogni sparirono. Mentre questi nuovi eroi creavano generazioni di bambini che volevano sconvolgere il mondo come avevano fatto loro in precedenza, sparsero allo stesso tempo i semi che portarono alla fine di quei sogni.

Il risultato è che le industrie crescono in proporzione. Le piccole aziende si trasformano in grandi aziende. Un negozio di McDonald’s si è trasformato in diecimila. Uno scienziato alla Pfizer crea un componente farmaceutico per un centinaio o un migliaio di assistenti e rappresentanti obbedienti.

Cinquant’anni fa, le aziende hanno capito che stavano affrontando due problemi:

-avevano bisogno di un maggior numero di lavoratori, istruiti nel miglior modo possibile, accondiscendenti, e sì, lavoratori a basso costo, disposti a seguire istruzioni specifiche…

e

-avevano bisogno di più clienti. Istruiti nel miglior modo possibile, flessibili, clienti disposti a consumare, clienti che guardavano regolarmente la TV e che aspettavano di comprare quello che vedevano.

I sognatori non erano d’aiuto a nessuno di questi problemi. I sognatori non perdono tempo a cercare lavori che vengono pagati pochissimo, non sono disposti a comprare le ultime tendenze fashion, e sono una rottura perché non si accontentano mai.

La soluzione sembra sia stata inventata ad un qualche incontro segreto della Skull and Bones (discussa società segreta degli Stati Uniti, con sede presso l’Università di Yale), ma non penso che sia vero. Invece, è stato il risultato di un centinaio di piccole decisioni, di lavoro non coordinato di migliaia di corporazioni e lobbisti politici:

la scuola è una fabbrica, e il risultato di quella fabbrica è: lavoratori accondiscendenti che comprano un sacco di cose. Questi studenti vengono preparati per sognare in piccolo.

E per quanto riguarda quelli famosi di cui sentiamo parlare? Sicuramente le persone di successo di cui sentiamo parlare hanno qualcosa di speciale…

Majora Carter è cresciuta negli anni sessanta nella parte sud del Bronx. Lei non doveva avere dei sogni; e neanche i suoi compagni di scuola dovevano averne. Gli impedimenti economici erano troppo grandi; non c’erano abbastanza soldi da spendere nelle scuole, nel supporto scolastico, negli insegnanti appassionati.

E nonostante questo, Majora è cresciuta per diventare, secondo Fast Company, una delle cento persone più creative nel business, una speaker del TED, una attivista sociale, e una consulente di successo. I suoi compagni di scuola stanno ancora aspettando di ricevere la chiamata.

I sognatori non hanno dei geni speciali. Trovano delle circostanze che amplificano i loro sogni. Se il processamento di massa di studenti che noi chiamiamo scuola fosse in grado di creare i sognatori che adoriamo, ce ne sarebbero molti di più. Infatti, la maggior parte di quelli famosi, quelli di successo, e quelli essenziali sono parte della nostra economia nonostante il processamento che hanno ricevuto, non a causa di esso.

L’economia richiede che noi scegliamo noi stessi. Le scuole ci insegnano diversamente.

Sto discutendo al fine di avere delle nuove favole, una nuova aspettativa per sogni così potenti da cambiare qualcosa.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on Pinterest

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *