59. L’evoluzione dei sogni

Le favole ci dicono molto su cosa le persone vogliono. Le ragazze vogliono diventare principesse, i ragazzi vogliono diventare eroi. E sia le ragazze che i ragazzi vogliono essere scelti. Vogliono avere l’opportunità di calzare la scarpetta di vetro, o che gli dei onnipotenti di un altro pianeta gli diano una lanterna che possa attivare il loro potere.

Nel sistema monarchico o con un’autorità simile, non c’era assolutamente nessun modo attraverso il quale realizzare qualcosa, a meno che non si venisse scelti. Scelti dal capo o dal sovrano locale o dal prete o dal nobile alla ricerca di una moglie.

Era la cosa migliore che si potesse sperare.

Conosciamo Mozart perché venne scelto, prima dal principe elettore Massimiliano III di Baviera, e poi da una serie di altri membri reali al potere. Michelangelo venne scelto dal Papa. Caterina di Aragona venne scelta da un uomo dopo l’altro (con un sacco di doti politiche coinvolte) finché non finì per stare con Enrico VIII.

Quando la vita è breve e brutale, e quando la classe sociale domina ogni cosa, i sogni delle favole sono tutto ciò che crediamo di poter desiderare.

La rivoluzione industriale ha creato un risultato diverso, un allentamento delle restrizioni basate sulla classe sociale di appartenenza e la creazione di nuove carriere e percorsi.

Improvvisamente, persone come Andrew Carnegie e Henry Ford diventarono coloro che potevano scegliere. In questo modo, c’erano molte più persone che potevano sceglierti (e offrirti un lavoro), e quindi la posta in gioco era ancora più alta, dal momento che le probabilità erano migliori. Non solo c’erano più modi per essere scelti, ma improvvisamente e sorprendentemente, c’era una possibilità grazie alla quale qualunque persona poteva diventare abbastanza potente da salire nella scala sociale.

Le nostre favole hanno iniziato a cambiare.

Quando l’economia cambiò in seguito alla Seconda Guerra Mondiale, c’è stata una esplosione di sogni. I bambini sognarono di camminare sulla luna o di inventare un nuovo tipo di apparecchio medico. Sognarono qualcosa sulle industrie, sulla scienza, sulla politica e sulle invenzioni e spesso, questi sogni si realizzarono. Non era sorprendente ricevere “il piccolo chimico” per il tuo nono compleanno – e non aveva semplici formule da seguire, ma un sacco di polveri e pozioni fantastiche che potevano provocare una fiammata o diffondevano un cattivo odore in tutta la casa.

Una generazione sognò di scrivere un bestseller o di inventare un nuovo tipo di design per le automobili o di perfezionare dei movimenti di danza.

Rivolgiamo lo sguardo a quella generazione con un po’ di soggezione. Quei bambini potevano sognare.  

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on Pinterest